mercoledì 14 marzo 2012

What's wrong to talk about evil? #6

Benvenuti al sesto appuntamento con la rubrica del mercoledì, cioè quella dedicata agli antagonisti dei nostri libri preferiti.
Attenzione gente! Oggi parlerò de L'Accademia Dei Vampiri (la recensione qui) e ci saranno SPOILER alquanto succulenti!

Allora, premetto che ho letto solo due libri e che il personaggio che analizzeremo è presente solo nel primo, quindi scusate se le mie informazioni sono incomplete (spero di rimediare comprando Il Bacio Dell'Ombra al più presto).
Il "cattivo" di oggi è Victor Dashkov!
Fa parte di quella categoria di antagonisti che piace a me, quelli che all'inizio della storia sembrano stare dalla parte dei "buoni", ma che alla fine dimostrano il contrario.
Quando un autore sceglie di fare una cosa del genere, semina indizi, tessere di un puzzle che si completerà solo alla fine e che in genere mi fa esclamare: "Cavolo! Perchè non ci avevo pensato?" Oppure: "Lo sapevo che eri tu il cattivo, brutto st****o!!!".
Comunque, Victor è lo zio (non proprio) di Lissa. All'inizio è uno dei personaggi più gradevoli, specialmente perchè intorno alle due protagoniste ci saranno così tante persone meschine, che il pacato e comprensivo Victor, sarà quasi un'ancora di salvezza. Proprio come sua figlia Nathalie, una delle poche moroi che si dimostreranno affettuose senza secondi fini, senza essere spregevoli. Ma naturalmente, sono tutte apparenze.
Victor è affetto da una malattia che lo sta logorando e che presto lo porterà alla morte. Lissa, come ben sappiamo, grazie ai suoi poteri può guarire le persone, ed è proprio per questo che lui la rapirà. Infatti quel tipo di malattie hanno bisogno di una "manutenzione" continua. Il piano era di rinchiuderla e costringerla a curarlo.
Qual'è il problema oltre al sequestro di persona? Be', il problema è che i poteri di Lissa le tolgono una quantità notevole di forza, sia fisica che mentale. Lei piano piano si avvicina alla pazzia e lui non se ne cura. No gliene importa niente della nipotina. L'unica cosa che sembra avere importanza è la sua salute.
Ma il motivo per cui fa tutto questo, potrebbe anche essere nobile (se non facesse tutto questo).
Infatti lui vorrebbe diventare re e far si che i moroi comincino a combattere contro gli strigoi. La penso come lui! Mi sembra sciocco comportarsi da conigli! Ma naturalmente il fine non giustifica i mezzi! Specialmente se tra i mezzi è presente tua figlia.
Bisognosa dell'affetto paterno, verrà convinta a spiare Lissa sin da prima della sua partenza. Sarà lei a riferire a Victor i poteri della cugina.
Ma fin qui, poco male.
E' alla fine che la scelleratezza di quest'uomo ci verrà mostrata per intero! Infatti ha convinto la figlia (ancora desiderosa delle attenzioni del padre) a trasformarsi in uno strigoi per concedergli una via di fuga dalla prigione. Quando Nathalie verrà uccisa, lui non batterà ciglio...
Ma c'è qualcosa di giusto tra quello che ha fatto Victor?
La risposta è SI!
Cioè, non che l'azione fosse giusta in se, ma ci ha fatto sognare!
Farà un incantesimo di lussuria su una collana che regalerà a Rose. Lei quando andrà in camera di Dimitri per avvisarlo della scomparsa di Lissa, verrà travolta dai sentimenti che prova per lui. Anche il mio amato Dimitri perderà il lume della ragione e voleranno scintille *_*
Insomma, "date a Cesare ciò che è di Cesare" xD

Ok! Gente, per oggi è tutto! Ci vediamo con What's Wrong To Talk About Evil? il prossimo mercoledì!
Bye :D

Nessun commento: